Teatri Mobili
Antipodi

ANIME VAGABONDE: I TEATRI MOBILI LIBERI E CREATIVI

Che le mani siano importanti anche per accompagnare ed esprimere parole, pensieri e stati d’animo lo sapevamo già.
Ma Girovago e Rondella con le mani sanno fare molto di più e insieme con la Compagnia Dromosofista hanno creato un teatro di animazione con spettacoli poetici, unici e senza parole. Si muovono sulle molte ruote di un bus e di un camion in giro per l’Italia e l’Europa – Teatri Mobili
per partecipare a Festival ed eventi e inscenare spettacoli sulle piazze e nei teatri di paesi e città dove vengono invitati dagli Enti locali per il piacere di adulti e bambini.

Teatri Mobili
Antipodi, la Ruota

Vivono in modalità itinerante da oltre trenta anni, nel senso che sulla strada ci vivono, ci viaggiano, ci lavorano e dalla vita vissuta sulla strada traggono spunti, storie e personaggi. Quando sono all’aperto i due mezzi delimitano uno “spazio foyer” e conviviale con un palco per la musica dal vivo. Non manca una piccola biblioteca sullo spettacolo nomade e i teatrini emozionali, scatole elettromeccaniche per un solo spettatore. Una mezzaluna sormonta il palco con la scritta in greco: Creatività e Libertà.

Girovago e Rondella sono Marco Grignani e Federica Lacomba, attori, artisti e fondatori di un teatro di marionette o teatro di figura, surreale e popolare che sceglie come palcoscenico la strada e i luoghi non convenzionali.

Teatri Mobili
Manoviva

La loro storia ha inizio in Grecia nel 1987 a bordo di una barca a vela trasformata in teatro e palcoscenico che, muovendosi tra coste e isole romantiche e incantate, offre spettacoli a un pubblico seduto sulla riva o sul molo. Spettacoli senza parole che tutti possono comprendere perché il linguaggio è visivo e sensoriale. Qui ha inizio il loro sogno, la loro storia e formazione nel percorso e nella esperienza dell’arte dal vivo. Il sogno, appunto, di riportare il Teatro di Figura contemporaneo in strada tra la gente e alla portata di tutti.

Dopo Rodi e Creta, la Turchia, la Spagna, l’Italia e tanta Europa e paesi lontani come India e Brasile. “…Quando siamo tornati in Italia, racconta Federica, abbiamo provato a introdurre le parole nello spettacolo, ma abbiamo subito compreso che non ce n’era bisogno. Se non parli puoi andare dove vuoi e puoi costruire il teatro perché ci si cala nella realtà sociale dei luoghi e si entra a far parte di paesaggi diversi. L’importante è comunicare..”

Teatri Mobili
Antipodi

Marco e Federica hanno tre figli – Rugiada, Timoteo e Tommaso – che lavorano con loro e con i due fratelli argentini Facundo e Santiago Moreno, dopo aver fondato nel 2007 la Compagnia Dromosofista. Un nome inventato coniugando insieme le parole “dromos” dal greco “strada” e “sofia” sempre dal greco “sapere, conoscenza”. Quindi è la conoscenza che viene dalla strada intesa come scuola di vita e fonte di ispirazione, luogo poetico e ideale per eccellenza per il confronto/incontro tra persone e culture diverse.

Questa Family Theater, genitori, figli e compagni dei figli, lavora e vive insieme la maggior parte del tempo e ha una vera casa, senza ruote (!!), a Vetralla vicino Roma. Una casa-atelier dove, tra un viaggio e l’altro, si ritrovano tra loro e ospitano amici ed artisti internazionali, studiano, organizzano workshop e preparano altri spettacoli.

Progetto comune della Family Theater è I Teatri Mobili: un bus e un camion allestiti come teatri che ospitano al massimo 35 persone per i due originali spettacoli “Manoviva” e “Antipodi”.

Teatri Mobili
Manoviva

Mentre Girovago e Rondella rappresentano lo spettacolo “Manoviva”, la Compagnia Dromosofista crea nel corso degli anni diversi spettacoli tra musica e trasformismo, riceve premi e approda all’ultimo spettacolo “Antipodi” nel 2016.

In questo spettacolo – breve in genere, non più di trenta, quaranta minuti – confluisce anche la ricerca musicale che si sposa con il teatro visuale e con una narrazione che si esprime per simboli ed archetipi. Il contenuto non è narrativo, non esiste un “canovaccio”, si procede per visioni e non per temi; c’è il mimo, la pantomima, la musica e la danza e ancora gesti ed espressioni. “Antipodi” è l’unione di diversi stili e tecniche del Teatro di Figura, dalle ombre cinesi alla manipolazione di oggetti, al teatro fisico e ne emerge uno spettacolo dalla gestualità delicata e fortemente comunicativa.

I tre personaggi dello spettacolo invitano il pubblico a seguirli in un viaggio surreale agli antipodi tra cavalli in miniatura, una ruota, uomini d’ombra e attori stralunati. “Noi giochiamo con figure, ombre e apparizioni, continua Federica, evochiamo immaginazione e misteri che vanno oltre il racconto di una storia che possiede l’inizio e la fine.”

Teatri Mobili
Antipodi

Lo spettacolo Manoviva messo in scena da Marco e Federica è assai originale e poetico, basato sulle due marionette, Manin e Manon, che “vivono” grazie a speciali guanti in lattice montati sulle dita delle mani che vanno a formare le gambe le braccia e la testa dei due protagonisti.  Manin e Manon in quaranta minuti, con adeguato accompagnamento musicale, raccontano al pubblico la loro storia d’amore senza parole, romantica, triste e struggente e sono molto applauditi….almeno quanto i loro animatori. Mentre Manin è giocoliere e mangiafuoco, Manon è funambola e acrobata in un meraviglioso mondo fantastico in miniatura dove tutto è possibile.

E’ bene aggiungere che i Grignani vengono spesso invitati dal Dipartimento di Arte e Spettacolo della Università “La Sapienza” per tenere workshop e conferenze per gli studenti. Mentre lo spettacolo “Manoviva” viene utilizzato negli ospedali e nelle scuole come terapia didattica motoria.

“…Il nostro, conclude Federica, non è un lavoro ma un modo di vivere. Non siamo legati a un unico ruolo ma possiamo reinventarci continuamente..”

Come per Manin e Manon anche quella della Family Theater è una storia d’amore: amore tra loro, amore per il teatro, amore per il viaggio, per altre genti e altre culture.

Quando vi accade di incontrare in una città, in una piazza, un bus e un camion, i loro Teatri Mobili, non mancate di salire a bordo e vivere i loro spettacoli.

Please follow and like us: