Andrea Bocelli alla “Generazione delle Idee”

Andrea Bocelli racconta il Talento.

Andrea Bocelli ha dato vita ad un incontro ricco di spunti, martedì alla Fondazione CRC di Cuneo. 

La fondazione, che quest’anno festeggia i suoi 30 anni di attività, ha pensato ad una interessante iniziativa a favore del territorio e della comunità locale, promuovendo un calendario di eventi da maggio a dicembre 2022 dal titolo ambizioso “la generazione delle idee”. 

Martedì, al Palazzetto dello Sport di San Rocco Castagnetta, ad aprire gli incontri è stato Andrea Bocelli accompagnato da Matteo Romano; i due hanno dato vita ad una mattinata di riflessione sul concetto del talento in un momento in cui si parla molto di educazione, di scelte di vita, di giovani che approcciano il lavoro e devono scegliere un strada per diventare i protagonisti dei prossimi anni. 

L’evento, è stato organizzato in collaborazione con l’Associazione Andrea Bocelli Foundation (ABF) che ha chiesto alla Fondazione CRC di essere partner in un importante progetto sull’isola di Haiti (si tratta di sostenere l’accesso ad una istruzione equa e di qualità per i ragazzi dei plessi scolastici realizzati dalla Andrea Bocelli Foundation nei primi undici anni di attività).

Di e su Andrea Bocelli si sono spese milioni di parole e complimenti, non solo come artista, ma anche come creatore di momenti aggregativi, culturali, di sviluppo. Oggi è certamente l’artista italiano più riconosciuto a livello internazionale; è un ambasciatore del Made in Italy di qualità oltreché testimone di una storia di successo.  

A Cuneo, per stimolare le sue riflessioni e creare spunti di domande, è stato chiamato a intervistarlo Paolo Giordano – giornalista e critico musicale. Durante l’incontro Bocelli ha raccontato la sua storia di ragazzo di origini contadine che ha creduto nel suo talento e dalla sua Toscana è arrivato ai più prestigiosi palcoscenici del mondo. 

Oggi Andrea Bocelli è infatti guest star a livello mondiale, dall’Asia agli Stati Uniti, dagli Emirati Arabi al Brasile. L’artista inoltre, ha fondato la Andrea Bocelli Foundation, perché forte delle sue origini che non ha dimenticato, intende sostenere le persone e le comunità che in tutto il mondo possono essere o sono colpite da situazioni di povertà, analfabetismo e disagio causati da emarginazione sociale. La mission della sua fondazione è infatti molto chiara in questa direzione: “empowering people and communities”. 

Durante l’evento non è mancata la musica, infatti sette eccellenze della Fondazione Bocelli si sono esibite davanti ai tanti presenti. Insieme a Bocelli, c’era anche Matteo Romano, giovane cantautore cuneese emerso nell’ultima edizione del Festival di Sanremo. Matteo, presente lo scorso Lunedi dell’Angelo in Piazza San Pietro a Roma davanti a Papa Francesco e 60 mila giovani, ha ricordato la sua storia personale di incontro “con il talento” ai tanti presenti, ripercorrendo il suo percorso fino ad oggi. 

A fine incontro, non poteva mancare l’emozione della voce del tenore, pura, forte, toccante, nell’interpretazione personale dell’Inno di Italia, con la quale Andrea Bocelli ha salutato i presenti e preso commiato. 

GLI ARTISTI A FIANCO DI BOCELLI A CUNEO

Durante la mattinata, si sono potuti esibire anche 7 artisti scelti, giovani non più promesse, ma certezze emergenti del mondo musicale a livello mondiale: 

Eleonora Fiorentini, saxofostista che fa parte di diverse formazioni nate all’interno del Conservatorio, tra cui l’Orchestra di Fiati diretta dal M. Michele Mangani e la Sax Orchestra diretta dal M. Federico Mondelci, con la quale si è esibita nel 2017 a Pechino, presso la “Beijing Normal University” ed il Conservatorio Centrale della città. Con la stessa formazione ha vinto la stella di “Future Stars 2017”, ovvero il più alto riconoscimento del concorso dell’Accademia di canto “Tebaldi & Del Monaco”. In seguito ai numerosi concerti, ha ottenuto unanimi consensi da parte del pubblico e della critica, sia per la qualità delle sue esecuzioni sia per la varietà del proprio repertorio.

Xing Chang, giovane pianista, nata il 30 agosto 2002 a Shenzhen in Cina dove ha iniziato lo studio del pianoforte a quattro anni. Dal 2012 studia in Italia e nel 2014 si è aggiudicata il I Premio al ”Pozzolino” di Seregno, il I premio al Concorso “Young Talents with Orchestra” di Barlassina e il I° premio al Concorso “Pianotalents” di Milano.

Barbier Serrano Clara, soprano francese che sta studiando al Royal College of Music ed è la prima beneficiaria della Andrea Bocelli Foundation – Community Jameel Scholarship. Allieva di Allison Wells, si è diplomata alla Hochschule für Musik und Theater Leipzig con un Bachelor of Music con Carola Guber, specializzandosi nel repertorio di canzoni d’arte con Alexander Schmalcz.

Monica Zhang, astro nascente del mondo della musica classica, a soli 15 anni con un palmarès da fare invidia: sono già 25 i suoi primi premi a concorsi internazionali – non ultimo il 1° premio assoluto tra tutte le categorie alla Finale Italiana dello Steinway Competition, grazie al quale ha suonato, nell’agosto del 2021, al Festival di Amburgo, in rappresentanza dell’Italia.

Micaela Mancinelli, ha iniziato lo studio del clarinetto presso l’Istituto Musicale Nello Biondi di Camerino, fa parte dell’orchestra di fiati della stessa città con la quale svolge un’intensa attività artistica e di ricerca, collaborando in concerto con artisti di prestigio, sia in formazione completa che in ensemble cameristici. Il 5 ottobre 2019 ha suonato con l’ensemble di fiati diretto dal M. Carlo Bernini in Senato, accompagnando il Maestro Andrea Bocelli.

Massimo Urban, giovane pianista con gran capacità interpretativa. Appena diciassettenne, vanta già numerosi primi premi ed anche esibizioni in importanti sale da concerto in tutta Europa, Russia e Regno Unito.

Laura Mekhail, soprano (Egitto), seconda borsa di studio internazionale Royal College Of Music (Opera Studio).

LA ANDREA BOCELLI FOUNDATION

La Andrea Bocelli Foundation (ABF) nasce nel 2011 per espressa volontà ed input della famiglia Bocelli, ispirata dall’affetto e dalla positività dei fan e dei partner in tutto il mondo. Lo scopo ultimo è valorizzare il patrimonio di relazioni ed il legame di fiducia che Andrea Bocelli ha creato e crea in ogni zona del globo che visita ed in cui, fatalmente, è considerato punto di riferimento d’ordine musicale ma anche etico. 

Da allora ABF è cresciuta, divenendo un’organizzazione Non-Profit indipendente, guidata da professionisti che si occupano dello sviluppo strategico delle idee

La mission della Fondazione è quella di offrire opportunità di empowerment a persone e comunità in situazioni di povertà, analfabetismo, malattia ed esclusione sociale promuovendo e sostenendo progetti nazionali e internazionali per il superamento di ogni barriera agevolando così la piena espressione del potenziale di ciascuno.

Il servizio fotografico è stato curato da Renata Roattino @jhonninaphoto:

Please follow and like us: