Hotel Tyrol
Entrecôte di bruna alpina servita con bernese al tarassaco e salsa al midollo affumicato

SELVA DI VAL GARDENA: BRILLA 1 STELLA, QUELLA DELL’HOTEL TYROL

Aria di festa all’Hotel Tyrol di Selva di Val Gardena: non perché si avvicina Natale e brillano le stelle, ma perché l’esclusivo Ristorante Suinsom, ad immagine dell’estro dello chef Alessandro Martellini, è arrivata la prima Stella Michelin.

L’atmosfera che Bibiana Dirler e Maurizio Micheli sono riusciti a creare all’ hotel Tyrol, quintessenza dell’ospitalità, ha dato i suoi frutti.

Hotel Tyrol
Bibiana Dirler e Maurizio Micheli

La qualità di chi ti accoglie è un volano per l’attività di tutta la struttura che brilla per questa accoglienza così calda, avvolgente e coinvolgente, che si riverbera nella “semplice eccellenza” sia dello “stay” che del ristorante, che a questo punto diviene il catalizzatore di una realtà consolidata e di comprovato lignaggio.

Il commento dello chef è evidentemente di grande compiacimento: «Sono ovviamente al settimo cielo per questo riconoscimento, che mi piace pensare sia anche la giusta ricompensa dopo tanti anni di sacrifici personali e tanto tanto impegno. Vorrei altresì rendere merito alla proprietà perché ha sempre sostenuto e dato gli strumenti necessari alla finalizzazione di questo progetto; nulla arriva per caso e il sostegno di Bibiana e Maurizio è stato per me davvero prezioso».

In ladino, la lingua gardenese, in nome del ristorante  significa “in cima” ed è proprio lì che il Suinsom, esclusivo fine-dining dell’Hotel Tyrol, dal 1966 punto di riferimento dell’hôtellerie della Val Gardena, vuole portare i propri ospiti: sulle vette del gusto, accompagnandoli in un viaggio gourmet per palati raffinati, creatività e tradizione con un pizzico di innovazione.

Hotel Tyrol, verso l’eccellenza non solo dell’ospitalità ma del cibo

Il punto più alto di un lungo percorso di ricerca dell’eccellenza nel campo dell’ospitalità e della gastronomia che da oltre 50 anni caratterizza l’hotel Tyrol attraverso il lavoro instancabile di Bibiana e Maurizio, proprietari, ma soprattutto anime di accoglienza, empatia, capacità di relazionarsi con gli ospiti, dell’hotel, a continuare la tradizione di famiglia.

Due stube del 1700 dall’atmosfera intima e raccolta, con pochissimi tavoli, arredate con sobrietà, eleganza e preziosi dettagli – ci piace sottolineare pizzi e tessuti – sono il regno di Alessandro Martellini che assieme al suo team propone vere “esperienze gastronomiche” legate alla tradizione e rivisitate.

Hotel Tyrol
Alessandro Martellini e Marika Rossi: lo chef e la sommelier

Martellini, originario di Orbetello nel cuore della Maremma Toscana, porta in tavola la sua filosofia fatta di tecnica, personalità e passione con lo sguardo puntato alla cultura ladina, forte delle esperienze che lo hanno formato, come l’Hotel Pellicano e il Grand Hotel Villa Feltrinelli, oltre agli incontri con chef stellati quali Enrico Crippa, Stefano Baiocco e soprattutto Antonio Guida.

Lo stile coinvolgente di Martellini è espressione di una cucina con richiami al territorio, una continua ricerca verso prodotti e produttori virtuosi e un occhio al presente che non dimentica le proprie radici e i fondamentali della cucina regionale italiana di cui riesce a valorizzare l’essenza attraverso divertenti percorsi gourmet, un po’ la parafrasi dell’ospitalità dell’hotel Tyrol.

Hotel Tyrol
Suinsom: carciofo con tartare di grigia alpina, topinambur e formaggio Graukäse

Lo spaghetto con burro all’aringa, pastinaca, tartare di astice e polvere di cavolo nero; i pici verdi con ragout d’agnello, tartare di manzo e seppia; il manzo con tarassaco, jus di capperi e midollo affumicato; il carciofo con tartare di manzo, bagnacauda e Castelmagno; o il dentice, un sorprendente sashimi agli agrumi, caviale e dente di leone., in cordata a 6 o 7 portate, o in un percorso à la carte da 2 o 3 portate e dessert sono solo qualche esempio.

Le preziose mani di Marika Rossi, abile sommelier e “custode” della cantina con oltre 750 etichette tra cui numerosi vini biologici e biodinamici e tanto Alto Adige e Toscana governano la “sala” con leggiadria, capacità comunicativa e incredibile esperienza. I
l perfetto mariage tra cibo e vino è frutto di meticolosi assaggi quotidiani tra sala e cucina, fondamentali per la riuscita dei piatti, lasciateci dire belli da vedere, ottimi da gustare.

Hotel Tyrol
Una delle Stube dove si trova il Suinsom

«Questo è un riconoscimento in cui abbiamo creduto molto, un traguardo importante che è frutto di un percorso gastronomico, e non solo, fatto di passione e dedizione che abbiamo supportato sin dall’inizio – raccontano Bibiana e Maurizio – Siamo molto contenti e orgogliosi di questa stella , un obiettivo che per noi è sempre stato un sogno sin dall’apertura nel dicembre 2017, perseguito con tanta energia e tenacia.

Alessandro Martellini è riuscito negli anni a costruire un itinerario culinario molto interessante ed esclusivo, un viaggio originale intorno a una gastronomia viva e profonda, guidato dalla curiosità di chi non è mai stanco di sperimentare, creare, affascinare con variazioni di gusto sempre nuove, mai banali. Mettendo insieme una squadra molto affiatata, dalla brigata di cucina a quella di sala, con il prezioso supporto di un’eccezionale sommelier, Marika Rossi, che ha saputo esaltare i piatti dello chef con le eccellenti etichette della nostra cantina».

E così una nuova “stella” brilla in Val Gardena!

Please follow and like us: