cucina

L’evoluzione dell’offerta gastronomica all’inizio del 21° secolo: quante sono le attuali tipologie di cucina?

Fino alla metà degli anni 70, il mio approccio con la “cucina” è stato basato sui piatti regionali veneti o, per essere più precisi, veneziani che in molti casi, pur chiamati allo stesso modo, si differenziano per consistenza e metodi di cottura da quelli del resto della Regione. Penso ai “risi e bisi” che a Venezia venivano preparati più sodi e cremosi rispetto a quelli più morbidi serviti nell’entroterra, forse più vicini ad una minestra di riso.

A Venezia, il risotto, in un certo senso, osservava i canoni di Pellegrino Artusi per il quale doveva essere sodo e presentarsi, come nel caso di quello allo zafferano, “come una palla dorata”. I concetti di risotto all’onda, di perfezionamento della mantecatura e delle diverse tipologie di riso, sono arrivati più tardi, quasi in epoca moderna.

cucina
Statua dedicata a Pellegrino Artusi

Dopo il mio approccio con la cucina a livello amatoriale, si è sviluppata in me la passione che più tardi sarebbe diventata parte della mia vita professionale. Erano gli anni 80 e nelle cucine dove ho lavorato e nei percorsi di formazione, anche internazionali, che ho seguito, la gastronomia si classificava semplicemente in regionale, nazionale e internazionale.

Alla cucina internazionale si arrivava dopo aver acquisito ottime competenze sulla cucina Italiana. Il mio primo passo verso l’internazionale è stato un timido avvicinamento alla cucina francese. A quei tempi, parlare di cucina internazionale era ben diverso da ciò che oggi è ben radicato nell’immaginario collettivo. Attualmente, se pensiamo alla cucina internazionale pensiamo alla cucina fusion, al sushi, ai taco e al pad thai. Oggi, quando mangiamo una Paella o una Wiener Schnitzel, non pensiamo che siano piatti internazionali e ci dimentichiamo della loro storia, delle tradizioni e della cultura dei territori da dove vengono.

Nel corso degli anni, abbiamo assistito ad innumerevoli cambiamenti anche in ambito culinario; le esigenze di noi consumatori sono aumentate: ci siamo raffinati, siamo curiosi e cerchiamo novità e sperimentazione, ci siamo globalizzati e, di conseguenza, le classificazioni gastronomiche si sono moltiplicate.

cucina
La variopinta cucina thai

Per farci un’idea dell’evoluzione delle attuali offerte gastronomiche, basta guardare le insegne dei ristoranti delle città: le cucine sono suddivise a seconda del territorio di provenienza, delle mode, dello stile salutare e delle religioni. Parlando di provenienza, troviamo ristoranti cheoffrono cucina locale, etnica e fusion; in linea con le mode, possiamo scegliere tra cucina molecolare, a sifone, creativa; le religioni suggeriscono piatti kosher e halal; la sempre maggiore attenzione agli aspetti salutari, sta facendo fiorire offerte vegane, vegetariane, eubiotiche. Questi sono solo alcuni esempi.

cucina
Paul Bocuse

Anch’io mi sono adeguato e dopo quella francese del Cordon Bleu ho studiato la  cucina indiana, quella asiatica e quella giapponese; dopo la nouvelle di Gualtiero Marchesi, ho approfondito la molecolare di Ferran Adrià e seguito con interesse le tecniche a sifone di uno dei miei cuochi preferiti, Danilo Angè che pur partecipando a importanti programmi televisivi, è rimasto un cuoco italiano “moderatamente creativo” che ha portato il suo stile di cucina in Cile, in Russia, in Estonia e Finlandia e che si rammarica di non esser riuscito a fare un’esperienza in Francia per conoscere la vera cucina francese e imparare sul campo le basi della vecchia cucina. Non è mai troppo tardi, Danilo! Oppure, sì?

Nel senso: dove e da chi si potrebbe andare, al giorno d’oggi, per imparare la vera e pura cucina francese, quella del mercato di Paul Bocuse? Altresì, mi chiedo lasciando da parte la Francia: dove e da chi, in Italia, potrebbe andare un giovane appassionato cuoco per imparare le basi della nostra cucina?

Tanto è cambiato. Ma qual è il motivo principale? E’ l’offerta che si adegua alla domanda o, viceversa, i consumatori seguono le tendenze dell’offerta?

cucina
Gualtiero Marchesi

Penso che un tempo, chi faceva questo mestiere fosse più concentrato nella manualità e nella pura esecuzione; questo richiedeva uno spirito ed una vocazione “operaia”. Al giorno d’oggi, fortunatamente, è aumentata la scolarizzazione e anche negli Istituti Professionali,  gli insegnamenti non si limitano alla manualità. Alle materie operative, vengono associati percorsi di studio su marketing, storia del cibo e, talvolta, psicologia; sono stati introdotti percorsi di stage di scambio interculturale e viene dato maggiore risalto a creatività ed inventiva. Per quanto riguarda i consumatori sono, anzi, siamo anche noi cambiati. Il ristorante, al giorno d’oggi, è alla portata di tutti e ci andiamo tutti molto spesso. Di conseguenza, cerchiamo le novità, vogliamo provare cose che ci sorprendano. Abbiamo saltato a piè pari la tradizione, dimenticandoci dei cibi “classici”.

Nel passato frequentare i ristoranti era un lusso e, in genere, chi li frequentava godeva di buona cultura; nel menù c’era l’entrecôte e tutti sapevano cosa fosse. Nei menù contemporanei, invece, vengono utilizzati nomi composti, talvolta intere frasi per dare il nome al piatto che lo chef ha inventato per incuriosirci, per sorprenderci e per descrivere le “innovazioni” che dovrebbe racchiudere la sua creazione.

I cambiamenti sono fondamentali per il progresso dell’umanità ma forse è meglio soffermarci a riflettere e non cadere nello spasmodico desiderio di voler innovare a tutti i costi dimenticandoci del nostro patrimonio culturale e facendoci inghiottire dal caos contemporaneo. E, questo, non vale solo per la gastronomia…

Please follow and like us: