Social
Una scena di Lolita, film del 1997

I SORRISI SUI SOCIAL: PICCOLA STORIA TRISTE

I Social e i loro contenuti: quanto c’è di vero nelle foto che mostrano i momenti felici dei “postanti”? Nelle sere d’estate, anch’io come molti, faccio partite a carte o mi diverto con gli amici con i giochi di società.

Scopro che “postante” è una parola valida a “scarabeo”.
È il participio presente di postare che in lingua italiana, significa per Treccani: “collocare al suo posto”, riferito quasi esclusivamente ai militari. Beppe Fenoglio dice in un suo scritto che si postava sotto l’ippocastano. Fenoglio era un partigiano e il poetico ippocastano una specie di garitta.

Social
Gelato, spiaggia, socialità

I miei amici, però, dicono che per “postare” si intende pubblicare qualcosa sui social e la figlia dodicenne di uno di loro mi mostra una sua foto su Instagram dicendomi: «Ecco, questo è un post!». Chiaro che lo sapevo. Fingo di sorprendermi e la ringrazio per avermi illuminato. Noto che nella foto lei e un paio di sue amiche mostrano tutti i denti in sorrisi che quelli della pubblicità Durban’s fanno loro un baffo.

La foto era stata scattata il pomeriggio prima: una noiosa e caldissima giornata al mare dove lei e le amiche (ma anche io) scalpitavano dal tedio e venivano sopraffatte dall’inedia. Poi, il momento che tutti aspettavamo: il carretto dei gelati. Loro si animano come gli israeliti nel deserto vedendo calare la manna. Si agitano e corrono dal papà per ottenere la “pecunia”, poi corrono verso il carretto, ritornano, sempre di corsa, euforiche per prendere il cellulare.

Social
«Conversion» Egon Schiele, 1912

Si mettono in posa sotto la scritta della Nestlè e posano con i cornetti in mano sorridendo come se non ci fosse un domani (o meglio, per me, come se di domani ce ne fossero tanti). Scelgono le foto mentre le mamme reggono i gelati appena addentati che si sciolgono al sole e dei quali si sono quasi dimenticate. Scartano una foto: quella nella quale una di loro ha una pralina incastrata sull’incisivo. Scelgono quella nella quale è inquadrato, dietro a loro, il gabbiano che sperava di rubare un gelato ad un bambino che piange impaurito.

Loro sghignazzano, ridono e emettono urletti da dodicenni micro donne. Io mi godo la scena gustandomi il ghiacciolo alla rinfrescante menta. Una grossa goccia verde mi cade sulla pancia. Non faccio tempo a distrarmi per pulirmi che loro sono già sui lettini a sbuffare, annoiate, rotolandosi un ciuffo di capelli tra le dita.

Social
Scarabeo

Guardo la figlia del mio amico che su “scrabble” compone la parola. PO-STAN-TE. Mi guarda con aria soddisfatta mentre ancora regge, girato verso di me, il cellulare aperto sulla foto. Abbozzo un “ Sei una bravissima postante… ma qua, eri felice?”. Lei mi guarda e non afferra.

A dire il vero non afferrano nemmeno i suoi genitori che si stanno reggendo con le mani le meningi osservando il tabellone dello “scarabeo”. “Ecco!” Dice la sua mamma. “Qua ci sta newsgroup!”. 

Penso ancora una volta a Milan Kundera e a “L’insostenibile leggerezza dell’essere”.

Please follow and like us: