Fiandre

LE FIANDRE IN BICICLETTA: 9 ITINERARI PER OGNI “GAMBA”

Le Fiandre, la regione belga nota per il ciclismo, eroico, impervio, difficile, agonistico propone una vacanza sostenibile, con ben 2500 km di piste ciclabili, segnalate, per nove itinerari spettacolari per una vacanza in bicicletta.

Sì, non è da tutti, ma di certo con un p’ di allenamento e costanza ne varrà di certo la pena, alternando la fatica di pedalare alla piacevolezza di un a birra fresca…la maltodestrina…fa bene!

Ogni itinerario cicloturistico delle Fiandre collega il meglio dei paesaggi fiamminghi attraverso attraenti piste ciclabili tematiche, percorribili in ambo le direzioni e perfettamente segnalate.

Si parte da ovest, con l’Itinerario Costiero che di certo placherà la fame di nuovi orizzonti degli avventurosi con 85 km da pedalare affacciati sul Mare del Nord. De Panne, Knokke, Heist sono le località che tocca il percorso.

E’ un circuito studiato per mescolare natura, storia marittima e cultura. Sarà possibile pedalare lungo la spiaggia con vista sul mare, attraverso le dune, i boschi ed esplora i tipici vasti paesaggi pianeggianti dei “polder”, le dune sabbiose della costiera belga. Sul percorso localini che servono pesce e crostacei del mare del Nord appena pescato.

Scendendo verso sud dal Mar del Nord, l’itinerario ‘14-‘18 porta alla scoperta del paesaggio distrutto e poi ricostruito del fronte della “Grande Guerra”. Saranno 100 km fra Nieuwpoort e Mesen in cui natura e storia si intrecciano. Bunker e buche, trincee, crateri di bombe e tunnel sotterranei vi riporteranno con un percorso a zig zag ai tempi delle azioni militari. Negli imponenti cimiteri militari, si percepisce il toccante silenzio fino a giungere a Ypres, città della pace e cuore pulsante dei “Campi delle Fiandre”.

Spostandosi verso est, natura e cultura si alternano tenendo la Schelda come “filo azzurro”. 181 km da percorrere da nord a sud, attraverso i secoli della storia fiamminga. Qui natura e cultura si alternano durante una vacanza in bicicletta con la Schelda a fare da guida, unendo Doornik ad Anversa passando per Oudenaarde, la città della Ronde de Vlaanderen, di Adriaen Brouwer,   per la zona dei castelli della Laarne, fino a toccare villaggi e sfiorare Anversa. Il fiume e la natura circostante, perfetta per un picnic, si alternano ai profili gotici delle architetture, facili da ammirare mentre uno dei tanti traghetti accompagnerà voi e la bici verso la riva opposta per proseguire il viaggio.

Fiandre
La pista ciclabile sugli alberi

A nord est, l’ Itinerario Kempen si dipana per 213km da Anversa a Maasmechelen ed è ricco di paesaggi variegati. Attraversa boschi, ampie distese di brughiera, dune simili al Sahara, i laghi di Kempen, facendovi attraversare la terra del patrimonio minerario industriale, con Genk come centro, lungo l’antica ferrovia del carbone. E’ qui uno dei luoghi più suggestivi, una pista ciclabile sospesa fra gli alberi. Per fare qualcosa di diverso kayak sul fiume Kleine Nete, o bagno nei laghetti della regione.

All’estremità est del paese, l’Itinerario della Mosa, 63km, che collega Reimst a Kinrooi, lungo un susseguirsi di borghi storici e rive che si estendono a perdita d’occhio. Lungo gli argini, nessuna auto, ma solo fermate pittoresche come la piazza principale di Maaseik e il villaggio più bello delle Fiandre: Oud-Rekem e animali in libertà. Qui regna il fiume Mosa e basta osservarlo per capirlo, è così selvaggio che la navigazione è a portata di pochi.

Fiandre

E Bruxelles, la capitale, non la vogliamo esplorare? Pedalare lungo la cintura verde che circonda la capitale del Belgio, da Halle a Volvoorde, su e giù per le colline attraverso la campagna di Bruegel, del luppolo, dell’uva e dell’indivia è una “gita” di 126 km. Si corre lungo la cintura verde che circonda la capitale costeggiando imponenti castelli, pascoli ondulati e panorami immaginifici, in un susseguirsi di crinali, valli fertili e canali che si snodano lungo panorami viste confinate. Dopo aver visto chiesette come quella di Saint Anne Pede o torri di fortezze, il giardino botanico di Meise o il parco di Tervuren, è fantastico concludere la pedalata con una bella birra lambic, Gueuze o fruttata…sempre per la maltodestina di cui è ricca!

Per i più temerari tre circuiti di notevole impegno.

L’ Itinerario delle città d’arte che per 342km vi porterà attraverso i secoli della storia fiamminga. Collega Bruxelles, Lovanio, Mechelen, Anversa, Gent e Bruges, fino alla costa di Ostenda, in un percorso ricco di natura e flora. Essendo circuito si può scegliere in quale città iniziare o finire e dedicare qualche giorno alla scoperta di queste città ricche di arte e cultura.

Fatelo con calma e visitate il patrimonio artistico e culturale delle città.

Una pedalata impegnativa attraverso le Fiandre meridionali è l’ Itinerario delle colline 459km da Poperinge a Voeren, per incontrare le colline di diverse regioni come, Haspengouw e Hageland fino alle Ardenne fiamminghe e all’Heuvelland. E’ qui che si temprano i grandi corridori fiamminghi, in un percorso ricco di storia dove le soste permettono di assaggiare la mattentaart, una specialità regionale a base di latte cagliato, e godersi l’ospitalità dei locali tipici. Si inizia con dolci saliscendi per arrivare ad ovest in un crescendo che vi metterà al cospetto del Kemmelberg, muro dal terreno in pietra…il tempio degli scalatori.

E per finire, la perfetta sintesi degli itinerari, l’ Itinerario delle Fiandre, 962km che vi faranno scoprire gli angoli più belli di tutte le Fiandre, combinando tutte le migliori esperienze che un cicloturista possa desiderare. Richiede del tempo, ma ne vale la pena.

In alternativa si può fare a pezzi, ma va ricordato, sempre che si deve concludere la giornata in sella con una buona birra belga.

Sempre parlando di maltodestrina….

materiale fotografico: ©Enough Cycling VisitFlanders

Please follow and like us: