Olympic Spa Hotel
Olympic Suite

OLYMPIC SPA HOTEL: IN VAL DI FASSA UNA STORIA LUNGA 60 ANNI

In Val di Fassa c’è una bella storia di famiglia, la stessa che, da 60 anni, gestisce l’Olympic spa hotel, punto di riferimento per il Trentino nel mondo dell’ospitalità

Olympic Spa hotel
La famiglia Pellegrin

60 anni. 60 lunghi anni di amore per l’ospitalità, di idee realizzate con l’armonia di una famiglia che fa della propria compattezza e collaborazione una forza irresistibile che porta e riporta ospiti per anni, facendoli diventare amici, più che “clienti”.

A Vigo di Fassa, all’Olympic spa hotel, un hotel di charme nel puro cuore ladino della Valle, in Trentino, che taglia un traguardo ragguardevole: il 60° genetliaco!

È un traguardo costellato di successi sempre più importanti che, da quando era un semplice garnì sulla strada, si è andato trasformando, anno dopo anno, per la ferrea volontà di Carlo e Pola Pellegrin e dei loro discendenti (3 generazioni).

Olympic Spa hotel
Carlo e Paula Pellegrin

Aperto nel 1963, l’Olympic spa hotel si conferma un hotel ideale per chi sceglie di vivere appieno il benessere nello scenario della Val di Fassa, con la sua preziosa Te Jaga spa.

La storia del nome è parte integrante del tutto, con Carlo Pellegrin, il capostipite, convocato per partecipare alle Olimpiadi invernali di Innsbruck nel 1964, che venne escluso dalla rappresentativa dello slittino per un infortunio occorsogli in allenamento poco prima di partire. E questo spirito olimpico lo ha trasferito non solo nel nome dell’hotel, ma anche in ogni sua azione.

Per l’Olympic spa Hotel in primo piano vi è l’attenzione alla sostenibilità e la possibilità di rigenerarsi nella natura, con proposte immersive nella stessa: colazione in baita, Forest Bathing, notte in rifugio.

«Sono arrivato che l’hotel era già una grande e consolidata realtà dell’area – spiega Matteo Toresani, brand manager – un hotel che ha saputo fare il salto di qualità: da albergo a conduzione famigliare, profondamente legato alla tradizione ladina del Trentino, a 4 stelle superiore di charme con focus sulle nuove richieste, sempre più sofisticate, ma sempre attento a qualità e tradizione due imprescindibili pilastri della miglior accoglienza che desidera il viaggiatore contemporaneo.

Olympic Spa Hotel
Olympic suite

Mettiamo in prima linea, design e sostenibilità conditi con il sorriso dell’accoglienza e il piacere di essere coloro che orchestrano al meglio il soggiorno dei nostri ospiti, assieme ai nostri 32 collaboratori che sono la nostra longa manu per assicurare il massimo benessere di chi ci sceglie».

L’hotel dispone di 40 stanze dai 22 mq in su, che ne hanno accompagnato, crescendo progressivamente, la storia fino a giungere oggi alle nuove Natural Suite e il Natural SPA Chalet, progettate dallo Studio di architettura NOA, che permettono di vivere una vacanza esclusiva, per rigenerarsi e riposare, con panorama sulle Dolomiti e vista diretta sul bosco.
La progressione, dalle originarie 10 del 1962 ha visto crescere il numero delle abitazioni e la dignità dell’immobile fino a 18 ne 1985, 22 nel 1996, 30 nel 2008, fino alle ultime aggiunte nel 2022.

Olympic Spa hotel

«L’aggiornarci costantemente ci ha portato ad una scelta che potrebbe parere restrittiva – racconta ancora Toresani – quella di rendere l’hotel solo per adulti, accettando le persone solo dai 14 anni in su, ma il supporto degli ospiti ci ha confortati in questa difficile scelta, che comunque credo sia stata coraggiosa, essendo stato il primo hotel in Trentino a farla».

Olympic Spa hotel
Una foto del primo Olympic Hotel

Per chi vuole privacy assoluta e una mini-SPA esclusiva, ecco il Natural SPA Chalet, dove su piani diversi si trova una stanza per la doccia, una sauna col panorama sul Sassolungo, doccia emozionale, idromassaggio nella natura all’esterno, un divano in rete sospeso tra un piano e l’altro.
Lo Spa Chalet è perfetto per chi desidera silenzio e relax.

L’Olympic SPA Hotel per la sostenibilità

L’Olympic SPA Hotel punta sul concetto di sostenibilità ma non a parole, bensì supportando l’amore per il territorio con i fatti.
«Piantiamo alberi, uno per ogni ospite che aderisce al pacchetto di sostenibilità. Piantare un nuovo albero permette di partecipare e compiere un’azione utile nei confronti dell’ambiente – continua Toresani  – In base ai km. percorsi dagli ospiti e dalle emissioni co2, l’Olympic SPA Hotel mette in atto azioni virtuose come creare reti con i produttori locali, utilizzare prodotti del territorio come le erbe, passeggiare nel bosco. Perchè al nostro territorio ci teniamo».

Te Jaga: una spa per ogni desiderio

La Te Jaga spa è il punto di partenza per dare vita ad un programma per prendersi cura del proprio corpo e spirito  e distendersi: un retreat di purezza di 800 mq, in puro benessere ladino.

Olympic Spa Hotel
Aufguss nella sauna sospesa sigli alberi

« Te Jaga, che significa “nel giaciglio di fieno”, nasce con l’intento di ricreare e far sperimentare un autentico benessere d’altri tempi: quello che si respirava nei “Bait” durante le lunghe e silenti estati in Val di Fassa – aggiunge Rosa Carpano, direttore della spa – dove ancora oggi, il sussurro del vento racconta storie di donne e uomini dal cuore grande e generoso come sanno essere i ladini.

Olympic Spa Hotel

La filosofia olistica della spa mette al centro l’ospite, basandosi sul concetto che ognuno di noi è unico e irripetibile, per questo il mio team lo guida attraverso un percorso emozionale personalizzato con attività come: armonia di Ben-Essere con il Qi Gong; meditazione andina Saminchakuy – vibrare con il cosmo; Forest Experience con camminata nel bosco e percorso sensoriale, riconoscimento degli alberi, del potere energetico e dei messaggi degli alberi».

Te Jaga è oggi una Longevity spa, focalizzata sulla mindfulness, con trattamenti che giovano a mente e corpo. Essa propone anche la figura del Mental Wellness Coach, che attraverso la naturopatia, guida l’ospite ad aumentare la propria consapevolezza e l’equilibrio interiore.

Di grande impatto la nuova sauna sospesa sugli alberi, sopraelevata, realizzata interamente in legno, che si mimetizza con il bosco: la sauna ha un accesso solo esterno, attraverso una passerella sopraelevata dall’hotel, per garantire un contatto immediato con la natura circostante.

Olympic spa hotel
Caterina Carpano

«La cerimonia della celebrazione dei 60 anni è stata splendida per tutta la famiglia Pellegrin, i suoi discendenti, i collaboratori, gli amici – conclude Toresani – e ha, non solo sancito un “commitment con l‘eccellenza”, ma rilanciato questa vocazione iniziata da Carlo e Paula oltre mezzo secolo fa, dall’acquisto del terreno su cui sorse il garnì originario, grazie ai proventi della gestione della Malga di Vigo.

Lasciatemi chiudere con una bella storia: oggi Caterina Carpano, pronipote di Carlo, è olimpionica di Snow board e ha idealmente, chiuso quel cerchio che il grande capostipite non poté fare a Innsbruck per quell’infortunio che gli precluse la soddisfazione di partecipare alle Olimpiadi, ma che ha saputo mettere nell’Olympic spa hotel, il gioiello “olimpionico dell’ospitalità” di famiglia».

Share via